Norme tecniche di riferimento

Purtroppo non esistono sul territorio Nazionale normative tecniche o linee guida idonee alla valutazione di un metodo analitico preciso e ripetitivo.

Esistono invece alcune esperienze condotte da ricercatori ed Istituti Universitari che, pur essendo presumibilmente corrette, percorrono iter diversi e pertanto non sempre è facile ricostruire una procedura standardizzata come invece è richiesto dalla Normativa IPPC.

L'unica e più recente Normativa tecnica sull'argomento è quella emessa dall'Agenzia per l'Ambiente Inglese EA (Environment Agengy) "Guidance for Monitoring Landfill Gas Surface Emissions".
Tale procedura, emanata nel marzo 2003 ed aggiornata nel settembre 2004 è disponibile nella edizione 2007 con la sigla LFTGN07 ha il vantaggio di essere molto precisa nei propri dettagli sull'acquisizione dei rilievi (metodologia e strumentazione) e sull'elaborazione dei dati.

In carenza di metodologia ufficiale Nazionale le indagini svolte dallo Studio Magnano vengono svolte seguendo le specifiche della Norma tecnica dell'Agenzia Inglese precedentemente descritta.

Ulteriore vantaggio riferito all'utilizzo della "LFTGN07" è l'identificazione dei  limiti di accettabilità per le emissioni in atmosfera di metano attraverso la superficie, i quali sono di seguito esposti:

         discariche dotate di capping definitivo =     1 x 10 -3 mg. m-2.s-1
         discariche dotate di capping provvisorio =  1 x 10 -1 mg. m-2.s-1

 
In data 7/10/2014, con DGR n° X/2461, sono state pubblicate sul BUR della Regione Lombardia le Linee Guida per la progettazione e gestione sostenibile delle discaricheTali Linee Guida sono poi state annullate dal TAR Lombardia con sentenza n° 522 del 17/03/2016.
 
Le indicazioni della Regione Lombardia contenevano due elementi innovativi circa il controllo delle emissioni del biogas in atmosfera. Il primo elemento è relativo alla possibilità di utilizzare un sistema differente rispetto alla combustione del biogas (in recupero energetico oppure in torcia) consistente nella “bio-ossidazione”.
Tale sistema era ammesso dalle Linee Guida fino ad un limite pari a 0,001 Nm3 CH4/m2/h. 
La seconda novità era il limite ammesso come emissione “finale” (a copertura definitiva realizzata) di biogas in atmosfera pari a 0,5 Nl CH4/m2/h. 
Questo limite viene indicato nell’Allegato B relativo alla “Qualità Finale della Discarica QFD” al termine del periodo di post-chiusura.

Pur non essendo più vigente si ritiene che il citato riferimento possa essere un utile riscontro.